QUESTA MATTINA LA CERIMONIA DEL QUATTRO NOVEMBRE

Stampa

QUESTA MATTINA LA CERIMONIA DEL QUATTRO NOVEMBRE

SANT’ELPIDIO A MARE (07.11.2015) – Si è celebrata questa mattina, al Capoluogo così come a Casette e D’Ete e Cascinare, la cerimonia del 4 novembre, Giorno dell'Unità nazionale e Giornata delle Forze Armate nel quale si celebra l’anniversario della vittoria e della fine della prima guerra mondiale per l’Italia a cento anni da quel triste evento.
Quest’anno il Sindaco ha voluto anche gli studenti accanto a se per questa occasione.
“Grazie alla collaborazione del Dirigente Scolastico e degli Insegnanti delle Scuole del nostro territorio  - ha detto il Sindaco nel salutare i presenti - alunni ed alunne dei nostri plessi scolastici sono qui con noi. Una partecipazione molto gradita e che dà a questa manifestazione maggior valore”.
Nel ricordare la conclusione della prima guerra mondiale e l’unificazione dell’Italia, il Sindaco ha fatto appello affinché i presenti, grandi e piccoli, vogliano unirsi a lui nell’adoperarsi, ognuno nel proprio quotidiano, a lavorare affinché la pace abbia la meglio sulla guerra. “Ognuno di noi può compiere scelte di pace nel suo piccolo perché la pace si costruisce ogni giorno, in ogni contesto – ha aggiunto - Possiamo impegnarci affinché ci sia più solidarietà tra i popoli. Non si possono chiudere delle porte e innalzare dei muri: non è così che si costruisce la pace. Bisogna dare delle risposte a chi ha fame e a chi vive in situazioni di sofferenza. Dobbiamo lavorare per diffondere la Democrazia in ogni contesto, per  garantire l’uguaglianza sociale, per permettere ad ognuno di poter esprimere liberamente il proprio pensiero. Non sono, purtroppo, concetti così scontati come si può pensare, visto che ci sono ancora limiti culturali molto radicati su questo fronte. Dobbiamo promuovere lo sviluppo e adoperarci, per quel che ci compete e per quanto ci è possibile, per fare in modo che i nostri giovani abbiano un futuro sereno: un futuro in cui li aspetti un lavoro, una società accogliente e solidale. Dobbiamo garantire maggiore giustizia e lavorare uniti, condividendo gli stessi obiettivi per il bene di una società che ha bisogno di esempi positivi”.