Sei qui:

Comunicati Stampa - Comune di Sant'Elpidio a Mare

NUOVA CASA DI RIPOSO

PDF Stampa E-mail
PRESENTATO IL PROGETTO DELLA NUOVA CASA DI RIPOSO
 
SANT’ELPIDIO A MARE (27.10.2015)  – Nel corso di un incontro svolto nella sala consiliare del Comune il Sindaco Alessio Terrenzi e l’Assessore Norberto Clementi hanno presentato il progetto per la realizzazione della nuova Residenza Protetta al palazzo Montalto Nannerini.
 
“Andremo a recuperare un palazzo storico chiuso da circa quindici anni – esordisce Terrenzi – mettendo in atto quella che non temo di definire una scelta epocale. L’immobile si trova vicino al centro storico pertanto gli ospiti autosufficienti avranno anche la possibilità di vivere la città ed andiamo ad intervenire su un palazzo pubblico. Ciò a differenza da quanto previsto con l’ipotesi precedente secondo cui si sarebbe dovuto spendere su una proprietà privata, peraltro con un intervento economico di due o tre milioni di euro in più rispetto a quello che andremo ad effettuare al Montalto Nannerini e per uno stesso numero di posti letto. Si sarebbe speso decisamente di più, a parità di posti letto, su una struttura privata. Al palazzo Montalto Nannerini la Residenza Protetta si estenderà su tre piani, con quaranta posti letto per un milione e seicentocinquantamila euro di investimento di cui 450.000 a carico della Regione Marche”.
 
Nel corso dell’incontro a parlare degli aspetti tecnici è stato l’arch. Romano Pellei alla presenza dei Consiglieri Comunali, della direttrice della Residenza Protetta Federica Luciani e della coordinatrice dell’Ambito XX Pamela Malvestiti.
 
Il consolidamento statico dell’edificio è stato garantito, in buona parte, da lavori a suo tempo realizzati. Ad eccezione del corpo nel versante nord-est sarà sufficiente una integrazione di ciò che è stato già realizzato.
 
L’edificio sarà reso conforme alle norme di legge sulle Residente Protette, le stanze saranno adeguate per l’accesso di personale non autosufficiente, saranno realizzati servizi igienici in numero adeguato per la tipologia di struttura, saranno realizzati impianti di riscaldamento e refrigerazione, originariamente non previsti. I lavori strutturali richiederanno una spesa di 800.000 euro, il resto sarà necessario per impianti termici, idrici, allestimenti dei bagni, arredi e pavimentazioni.
 
Il piano interrato e il primo rimarranno al comune per usi sociali e culturali, che non avranno comunicazione diretta con la Residenza Protetta. L’ingresso principale sarà dal lato sinistro della struttura: i posti destinati agli utenti saranno nove al secondo piano, dove saranno allestiti anche uffici e cucina, sedici al terzo piano e quindici al quarto.
Il progetto prevede che vengano ricavati, oltre alle camere, anche degli spazi comuni per gli ospiti.
 

DUE ELPIDIENSI IN CINA

PDF Stampa E-mail
DUE ELPIDIENSI PROTAGONISTI DI ExpoPhoto2015,  "Italy, Scent of Beauty”
 
SANT’ELPIDIO A MARE (27.10.2015)– Due elpidiensi saranno protagonisti, seppur a diverso titolo, di ExpoPhoto2015,  "Italy, Scent of Beauty”, l’evento che celebra la fotografia italiana in Cina.
Si tratta di Ilaria Sciadi Adel, che dell’evento è curatrice, e del fotografo elpidiense Marco Cappella che è stato scelto per esporre le sue opere.
 
Protagonisti di ExpoPhoto2015, con “Italy, Scent of beauty”, sono 45 fotografi italiani ed una originale visione del mondo. Selezionati da una commissione di esperti, i fotografi partecipanti avranno l'onore ed il piacere di rappresentare il nostro Paese in due importanti appuntamenti dedicati alla fotografia in Cina. L'Italia sarà raccontata non soltanto tramite immagini raffiguranti usi, costumi e tradizioni, bensì anche attraverso lo STILE italiano inconfondibile, che sembra “assaporare” come un profumo avvolgente, unico ed indimenticabile di bellezza.
L’evento Expophoto 2015: Italy, Scent of Beauty è ideato ed organizzato da EBLU Comunicazione di Roma, che dei rapporti con la Cina mostra di fare buon uso per un’esposizione itinerante in viaggio tra alcune delle più grandi città cinesi - Beijing, Hanghzou, Lishui, Xi’an - attraverso gli scatti di oltre quaranta talenti della fotografia italiana, in mostra all’interno delle suggestive cornici dei Festival Internazionali di Hanghzou e Lishui, che rappresentano la bellezza di un Paese ricco di storia, cultura, arte e tradizione.                                                                                                                       
Reportage fotografico, street photography, ritratto, fashion, fotografia di matrimonio, ma anche paesaggistica, fotografia naturalistica e fotografia concettuale.                           
Ne deriva uno specchio caleidoscopico quanto ricco di un’Italia che è come un profumo inconfondibile, “scent of beauty”. 
                                                                                          
L’inaugurazione della mostra fotografica ITALY, Scent of Beauty di ExpoPhoto2015 si svolgerà all’interno degli “incontri internazionali di fotografia“ dell’Hanghzou International Day. Il padiglione ExpoPhoto2015 sarà aperto al pubblico dal 29 ottobre al 6 novembre. Nella splendida cornice del China Lishui Photography Festival, il padiglione ExpoPhoto2015 sarà aperto al pubblico dal 6 al 10 novembre.                                    
“Per i nostri due concittadini – commenta l’Assessore alla Cultura Stefania Torresi – si tratta di una prestigiosa occasione di lavoro e di promozione del saper fare italiano. A loro va il nostro più caloroso in bocca al lupo per questa importante esperienza”.
“Grazie alle immagini di Marco Cappella e alle capacità organizzative di Ilaria Sciadi Adel un pezzo della nostra città sarà presente in Cina – aggiunge il Sindaco Terrenzi – e questo è motivo di orgoglio per tutti noi. Anche nel settore fotografico la nostra città è capace di esprimere dei grandi talenti e questo non può che riempire tutti gli elpidiensi di orgoglio”.
 

PRECISAZIONI SUL DEBITO FUORI BILANCIO

PDF Stampa E-mail
CONSIGLIO COMUNALE
DEBITO FUORI BILANCIO: LE PRECISAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI
 
SANT’ELPIDIO A MARE (24.10.2015) - Si ' è tenuto giovedì scorso, 22 ottobre, il Consiglio Comunale elpidiense nel corso del quale sono state approvate delibere importanti, diverse delle quali votate all'unanimità.
Tra i punti all'ordine del giorno figurava anche un riconoscimento di debito fuori bilancio di euro 8222,14 scaturito dalla sentenza del tribunale di fermo n° 693/2015, a sfavore del comune, condannato quindi a pagare le spese legali della controparte.
 
“Questa è prassi obbligatoria che obbliga  il Comune ad inviare alla Corte dei conti la delibera, al fine di individuare, se ci sono, responsabilità di danno erariale – osserva Norberto Clementi, attuale Assessore al Bilancio e relatore in Consiglio - La pratica si inserisce in un contenzioso nato già alla fine del 2007, quando il Comune ha risolto il contratto con una ditta appaltatrice che si era aggiudicata i lavori di adeguamento sismico della scuola di Castellano. Scuola che poi è stata realizzata da un'altra ditta e che oggi è un fiore all'occhiello dell'Ente. Alla prima ditta appaltatrice, poi dichiarata fallita, sono stati contabilizzati lavori per 189.631,20, mai erogati poiché il contenzioso è ancora in piedi. Chiaramente, diversamente da come si vuol far passare, non sono soldi da trovare, ma sono soldi stanziati e fermi nelle casse del comune, dal momento dell'appalto. Si tratta di soldi disponibili per essere versati ,eventualmente, quando sarà terminato il contenzioso. Va ribadito, ad onor del vero, che per questo contenzioso importante, (la somma totale dell'appalto era di Euro 1.306.238,63) il Comune da subito ha affidato un incarico  a due avvocati che hanno seguito e stanno seguendo la questione”.
 
All'interno di questo contenzioso se n'è inserito un altro, relativo alla richiesta di una professionista, creditrice della prima ditta appaltatrice per euro 113,383,45, che, in sintesi, chiedeva al Comune di pagare a lei detta somma visto che lo stesso Comune aveva contabilizzato lavori eseguiti per euro 189,631,20, somma capiente per soddisfare il suo credito di terzo, così come prevede la legge in questi casi.
 
“Il responsabile comunale del procedimento – prosegue Clementi - ha inoltrato al giudice una sua nota del 28/9/2010, con la quale dichiara che “non esistono somme liquide ed esigibili a favore della ditta prima appaltatrice”, in virtù del contenzioso in atto. Il  giudice non ha recepito il contenuto di questa nota  ed ha sentenziato invece che il debito del comune esiste e  lo ha condannato  a pagare le spese legali sostenute dal creditore terzo per euro 8222,14. E' chiaro quindi che questa Amministrazione e questo Consiglio sono solo spettatori di vicende passate e hanno solo riconosciuto un debito per un contenzioso nato nel settembre 2010, così come richiede la legge. E' chiaro che la somma da pagare alla prima ditta appaltatrice non va trovata ma è disponibile e bloccata dall'affidamento dei  lavori. E' chiaro che il Comune aveva ed ha una consulenza legale su questa pratica. Nel secondo contenzioso, dai fatti si evince che l'Amministrazione di allora, insieme al responsabile del  procedimento,  hanno  ritenuto sufficiente inoltrare la nota del 28/9/2010 e non incaricare un altro legale. Ora, in un contenzioso così complicato, dopo l'esito di una sentenza parziale, con il senno di poi, dire che gli uffici e l'amministrazione di allora sono stati inadeguati è facile. Dire che bisognava spendere soldi per un altro incarico legale è altrettanto facile. Dire che si vuole far pagare ai responsabili e sostituirsi già alla Corte dei Conti che è quella chiamata a decidere se qualcuno, allora, ha sbagliato o no, mi sa solo di demagogia di basso livello”.
 
“Da parte mia – aggiunge il Sindaco, Alessio Terrenzi – colgo solo l’occasione per ringraziare chi mi ha preceduto: i sindaci Offidani, Martinelli e Mezzanotte e le loro Amministrazioni che hanno lavorato su questa bellissima realizzazione, fiore all'occhiello del nostro Comune a servizio della cittadinanza”.
 

IN CORSO APPALTI AL SUA

PDF Stampa E-mail
AL SUA DI FERMO IN CORSO DIVERSI IMPORTANTI APPALTI
 
SANT’ELPIDIO A MARE (23.10.2015) – Sono diversi gli appalti che sono in corso alla Stazione Unica Appaltante di Fermo e che si concretizzeranno, dopo i dovuti tempi tecnici, in cantieri nella città elpidiense.
A darne notizia è stato il Sindaco, Alessio Terrenzi, in occasione del Consiglio Comunale che si è svolto ieri sera.
 
“Sono al Sua appalti importanti per la nostra città – comunica il Primo Cittadino – come quello per Corso Baccio, per la sistemazione delle strade in attuazione del bando Aci, per la manutenzione di strada  Cerretino e per il Teatro Cicconi nonché  per il dissesto idrogeologico. Opere importanti, di cui la città ha bisogno e che si concretizzeranno dopo che saranno trascorsi i dovuti tempi tecnici”.
 
Per quanto riguarda la sistemazione delle strade, il progetto complessivamente prevede un investimento di 365.000 euro per la sicurezza stradale: il 45% di tale importo è stato finanziato dalla Regione per un importo pari a 164.250 euro ed il resto sarà finanziato dal bilancio comunale per 200.750 euro. Gli interventi riguarderanno le opere di manutenzione straordinaria di Via Dalla Chiesa, Via Lazio, P. le Magnalbò, P. le F.lli Cervi e del tratto iniziale di Via Lombardia.
In merito ai lavori di Corso Baccio, così come concordato con i commercianti incontrati dal Sindaco Alessio Terrenzi e dall’Assessore al Commercio Stefania Torresi nel marzo scorso, si è realizzato il bando affinché si possa aprire il cantiere all’inizio dell’anno prossimo.
In merito a via Cerretino, dell’asfalto di via Cerretino, danneggiato dalle nevicate del 2012 si tratta di un intervento di ripristino e manutenzione straordinaria, lavori che saranno finanziati in parte con fondi messi a disposizione dalla Regione Marche ed in parte con fondi propri per un intervento totale di 71 mila euro ed oltre al rifacimento dell’asfalto è anche prevista la sistemazione di alcuni cedimenti locali, sempre dovuti alle nevicate.
 
Infine, altro appalto in corso è quello per la messa in sicurezza del Teatro Cicconi.
 
Sta andando avanti anche l’iter per la realizzazione di un intervento collegato al dissesto idrogeologico.
 
Altri Articoli...
Pagina 7 di 239